Benefici

 

Partecipare alla Via della Freccia perché è:

  • Bello
  • Divertente
  • Profondo
  • Ci porta a profondo contatto con la natura
  • Permette di contattare il proprio interiore
  • Sembra di ritrovare qualcosa di già conosciuto
  • Fa scoprire partii nuove di sè.
  • Crea un campo di forza a cui accedere al bisogno
  • Risveglia il proprio talento
  • Acuisce la concentrazione e la centratura
  • Ci tiene nel presente
  • Aumenta il nostro potenziale
  • sciogli l’ansia da prestazione
  • Si impara a focalizzare un obbiettivo preciso e circoscritto
  • Riduce lo stress psico-fisico
  • Ci permette di rimanere in ascolto di noi
  • È un potente strumento di accesso alle nostre emozioni
  • Fa emergere le nostre convinzioni
  • Consolida il senso di appartenenza
  • Sentire e seguire il proprio istinto
  • Migliorare l’immagine di se

Partecipare a questo seminario è una esperienza leggera e divertente, profonda e assolutamente indimenticabile…

a contatto con la natura risvegliando parti di se dimenticate, liberare il proprio istinto attingendo anche alle nostre antiche memorie,punto di partenza per un viaggio alla ricerca dei nostri talenti e potenzialità , affinando concentrazione e centratura…

L’arco è un eccezionale strumento di collegamento con il presente ,porta di accesso al nostro sentire emozionale, con cui possiamo elaborare blocchi e trasformare credenze limitanti

Quando lasciamo volare la freccia insieme a lei lasciamo ogni attaccamento acquisendo stima, coraggio, entusiasmo, determinazione e fiducia da portare con se nella vita di ogni giorno.

Programma del Corso di due giorni:

  • Sabato dalle 09.30 alle 18.00

  • La “Via della Freccia” intenti e finalità
  • La filosofia del tiro istintivo con l’arco
  • Riscaldamento energetico
  • Prova posturale
  • L’elastico e la “costruzione personale”
  • Il volo della freccia, balistica o Intenzione?
  • Emozioni e respiro
  • Recupero e centratura energetica
  • La scoperta del bosco … quanto è rimasto in noi del cacciatore preistorico.. ?
  • La trasformazione emozionale
  • Autostima o capacità, cosa conta per colpire il bersaglio?
  • Domenica dalle 09.00 alle 17.00

  • Riscaldamento energetico
  • Misuriamo i nostri progressi
  • La visualizzazione del tiro perfetto
  • Adesso si fa sul serio … il tiro nel bosco
  • Sciogliamo le credenze ostacolanti
  • Fuoco e terra, aria ed acqua …troviamo il nostro elemento
  • Guarda la tua freccia volare …!
  • Rimuovi gli ostacoli per il tuo centro
  • Riportiamo questa esperienza nella vita di tutti i giorni …
  • Considerazioni finali e saluti.

Requisiti necessari per poter partecipare:

  • La partecipazione alla Via della Freccia non richiede particolari requisiti.
  • Dovete soltanto essere in buona forma fisica e avere voglia di mettersi in gioco.
  • Da portare sono scarpe tipo trekking e abbigliamento comodo per passeggiare nel bosco.

 

Informazioni pratiche:

  • Dato che ogni seminario viene fatto in località diverse e, a volte, in collaborazione con associazioni, aziende o strutture, i riferimenti saranno sempre specifici a seconda della data e luogo prescelti.
  • È nostra premura cercare sempre luoghi suggestivi e di qualità, facendo delle convenzioni con le strutture per quanto riguarda vitto ed eventuale alloggio.
  • Diamo consulenze (grautite!) sull’attrezzatura, archi, frecce e accessori, per coloro che si appassionano e vogliono acquistarla, oppure facciamo anche volentieri da tramite!

 

seminari comprendono sempre:

  • L`uso dell`attrezzatura : Arco, frecce ,faretra,guantino e parabraccio per tutta la durata del seminario…
  • La conduzione del seminario e l`uso dei bersagli e del campo di tiro…
  • NON E’ MAI INCLUSO VITTO & ALLOGGIO

Valore:

Il valore di cio`che otterrete con il seminario non ha prezzo e comprende:

  • Tutta l’evoluzione che saprete trarre da voi stessi
  • L`energia nostra e del gruppo che saprete acquisire
  • Un nuovo modo di vedere le cose e la vita…

Nota importante:

Il seminario prevede una simulazione di caccia utilizzando delle sagome di animali tridimensionali in gomma, allo scopo di contattare meglio le memorie dell’arcere atavico e del senso di responsabilita` che esso portava con se ,  non e`assolutamente un invito alla caccia, siamo contrari ad ogni forma di violenza…

Se ritenete non etica la nostra attività vi preghiamo di comunicarcelo saremo onorati di farvi conoscere a fondo la nostra filosofia…

 

Prossime date:

  • Vedi il nostro calendario

Iscriviti adesso al Corso “La Via della Freccia”

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Via, Piazza, Corso... e numero civico (richiesto)

cap (richiesto)

Città (richiesto)

Provincia (richiesto)

Telefono (richiesto)

Desidero iscrivermi al corso del....
Indicare data e luogo del corso che vuoi frequentare (richiesto)

Eventuali note o messaggi (facoltativo)

Photogallery

Clicca sull'immagine per accedere alle foto dei corsi precedenti.

Dicono del Corso
  • Mi ha divertito molto imparare nel gruppo e sono rimasta molto sorpresa del mio stesso comportamento e atteggiamento rispetto all’obiettivo. Ho imparato che posso lasciare andare la freccia. Mai avrei pensato che l’avrei “trattenuta”. Mi ha proprio aperto gli occhi vedermi da questo punto di vista. GRAZIE! La cosa che mi è piaciuta di più è stata questa immersione nella natura e di immaginarsi che tutto questo è stato già vissuto molte volte. Ed anche la sensazione di essere amata e accettata dal gruppo. La cosa che mi ha impressionato di più è che ci sono cose che accadono, che non mi aspettavo. Per esempio, quando non ho dato più importanza al bersaglio da colpire e proprio in quel momento ho fatto centro! Sì, sicuramente, lo consiglierei. Per prima cosa ha arricchito la mia vita, perché si è svolto tutto in modo leggero, giocoso, nella natura, in un supergruppo fantastico con un team competente e motivato. Ad un amico direi che può imparare tanto su di sè, in modo giocoso, in un’atmosfera unica. Grazie ai consigli ed impulsi di Stefano, riguardanti la nostra psicologia si verifica qualche “illuminazione”, ad esempio come mi pongo rispetto al mio obiettivo? Dove mi blocco da sola? Dove non lascio andare? Dove manca la concentrazione? Davvero illuminante! Constance Hector